Come si esegue la Liposuzione Laser

La fase operatoria

Una volta accolto il Paziente in sala operatoria, la procedura dell’intervento di liposuzione laser assistita Lipolaser System, si sviluppa in otto fasi:

  1. Le foto
  2. Il disegno delle aree
  3. L’anestesia locale e/o l’eventuale sedazione
  4. L’infiltrazione
  5. Lo scioglimento del grasso con il laser a fibra ottica
  6. L’aspirazione del grasso in eccesso
  7. Il passaggio finale con il laser
  8. La medicazione.

Ogni fase è di fondamentale importanza per la riuscita dell’intervento e va eseguita con estrema attenzione, professionalità e precisione.

La documentazione Fotografica

Con questa prima fase il paziente viene ufficialmente introdotto nella sala operatoria: le imperfezioni della figura che si vogliono abbandonare vengono fissate in un’ immagine che sarà il primo termine di paragone dopo la liposuzione.

La documentazione fotografica è molto importante sia per il Chirurgo che per il paziente. Oltre a testimoniare l’avvenuto cambiamento, le foto consentono al paziente di confrontarsi con la sua condizione precedente, aspetto che da molti viene rimosso dopo la guarigione dall’intervento di liposuzione.

Le foto vengono eseguite in diverse posizioni: a figura intera, per evidenziare l’incidenza dell’inestetismo sulla totalità, nel dettaglio della zona da trattare, in posizione frontale, laterale e di schiena. 

Il disegno delle zone

Una volta eseguite le foto, il Chirurgo disegna le zone da trattare con il pennarello dermografico. 

Il disegno serve a creare una sorta di mappa di riferimento che evidenzia il percorso da intraprendere durante la fase operativa.

L'Anestesia

La liposuzione laser assistita Lipolaser System, grazie all’azione poco invasiva, può essere tranquillamente eseguita in anestesia locale. Nel caso il paziente lo richiedesse, è prevista una sedazione molto leggera, previo colloquio con l’Anestesista, che consente una rapida ripresa postoperatoria e non implica alcuna degenza. 

L'infiltrazione

Dopo aver somministrato l’anestetico, si procede con l’infiltrazione della soluzione tumescente di Klein, modificata secondo i parametri del Dottor Serraglio. La soluzione viene distribuita all’interno di tutte le aree da sottoporre a liposuzione e determina lo scollamento dei tessuti, per ottenere il volume necessario per lavorare in sicurezza, e la vasocostrizione, estesa anche ai capillari di calibro più piccolo, per ridurre al minimo le perdite ematiche ed eseguire la liposuzione anche su soggetti con una grande quantità di grasso in eccesso.

L’infiltrazione viene eseguita con delle cannule molto sottili, 1/2 mm di diametro, e di lunghezza differente in base alla zona da trattare. Durante l’infiltrazione è possibile avvertire un leggero bruciore, sopportato dalla maggior parte dei pazienti, che, una volta attivata l’azione dell’anestetico, scompare gradualmente consentendo al paziente di afrrontare le fasi previste da questo metodo di liposuzione. Nel caso di leggera sedazione, chiaramente, l’infiltrazione non rappresenta più motivo di fastidio. 

Scioglimento del grasso tramite laser a fibra ottica

A questo punto il paziente è pronto per la fase di scioglimento del grasso. 

La liquefazione del grasso e l’effetto di retrazione attivato dal laser a fibra ottica rappresentano il tratto distintivo della tecnica di liposuzione laser assistita Lipolaser System. La fibra, introdotta nell’area attraverso i punti di sutura eseguiti durante la fase di infiltrazione, produce calore in grado di distruggere le cellule grasse (adipociti) e trasformarle in una sostanza liquida. I parametri su cui viene impostato il laser, esclusivi della tecnica di liposuzione lase assistita Lipolaser System, determinano, oltre allo scioglimento totale del grasso in eccesso, un’azione ad effetto joule, una sorta di lifting non chirurgico della pelle che, dopo l’aspirazione, si retrae riposizionandosi naturalmente nella nuova sede.

Il laser viene manovrato con movimenti lenti e molto precisi, e richiede circa tre passaggi per zona per un’azione completa ed efficacie. 

Il Dott Serraglio è un operatore esperto di questo tipo di laser, tanto da essere da anni la figura di riferimento per le dimostrazioni pratiche dell’utilizzo del macchinario ai colleghi. 

L'aspirazione

La fase di aspirazione, a differenza di molti metodi di liposuzione in circolazione, prevede l’utilizzo di cannule molto sottili, di tipologia diversa in base alla loro funzione. 

Le cannule utilizzate per la liposuzione tradizionale, infatti, hanno un diametro di 4/6 mm, quelle per la liposuzione laser assistita Lipolaser System invece di soli 1/2 millimetri, il che consente un’azione poco invasiva. 

La cannula viene collegata ad un tubo monouso a sua volta collegato ad un aspiratore che convoglia il grasso liquefatto all’interno di un contenitore che indica la quantità di liquido espulsa.

Il grasso eliminato è visibile nell’immediato e permette al paziente di constatare la sua avvenuta aspirazione.

Questa fase richiede una precisione certosina e un buon senso estetico: l’aspirazione eccessiva di grasso potrebbe determinare la formazione di avvallamenti cutanei poco piacevoli alla vista e del tutto innaturali.

Il Laser

La fase conclusiva della procedura chirurgica dell’intervento di liposuzione laser assistita Lipolaser System, si conclude con il passaggio del laser a fibra ottica. L’introduzione della fibra dopo aver estratto il grasso in eccesso, è una fase particolarmente importante per le zone soggette a maggiore lassità cutanea come le braccia, il collo, le cosce interne e l’addome.

In questo caso il llaser lavora nel piano superficiale a livello sottocutaneo, favorendo ulteriormente la retrazione e l’effetto lifting della pelle. 

La medicazione

La medicazione è molto importante nelle prime 48 ore successive alla liposuzione, periodo di tempo in cui è consigliato stare a riposo. I punti d’accesso vengono coperti con dei cerotti assorbenti successivamente fissati dall’azione compressiva della guaina. 

Nei due giorni successivi, infatti, potrebbero verificarsi delle perdite di liquido residuo, trascorsi i quali è possibile tornare alla propria quotidianità indossando soltanto la guaina secondo le tempistiche indicate dal Chirurgo.

Una volta conclusa la medicazione, il paziente, su disposizioni dell’Anestesista, può rivestirsi e andare a colloquio con il Chirurgo per le raccomandazioni post intervento.


PRENOTA UNA VISITA

  •  
  •  
  •  
  •  
acconsento al trattamento dei dati personali - leggi l'informativa

Durata dell'intervento

Le tempistiche della prassi di liposuzione laser assistita dipendono, come per qualsiasi tipo di intervento, da diversi fattori fissi e variabili. La tecnica Lipolaser System si sviluppa secondo una procedura esclusiva standard, ma la quantità di tempo necessaria per l’esecuzione varia da persona a persona. Le variabili, oltre al numero di zone da trattare e la quantità di grasso da eliminare, comprendono tutti gli imprevisti che possono rallentare o accelerare la procedura (ritardo del paziente o dell’equipe medica; colloqui; dimenticanze; prassi burocratiche; ecc..).

In genere, per fare un esempio di riferimento, con la tecnica di liposuzione LIpolaser System, addome e interno ginocchia richiedono una fase chirurgica della durata di massimo cinquanta minuti.

I tempi di recupero

I tempi di recupero dall’intervento di liposuzione laser assistita sono piuttosto rapidi.

La tecnica Lipolaser System, infatti, richiede soltanto due giorni di riposo nel postoperatorio, trascorsi i quali è possibile rimuovere la medicazione e tornare alla propria quotidianità.

Per quanto riguarda l’attività fisica, bisogna aspettare al massimo 20 giorni.

Dopo aver tolto la medicazione, è possibile fare delle passeggiate per agevolare la circolazione.

I Risultati

I risultati della liposuzione laser assistita sono apprezzabili a partire da una settimana dopo l’intervento.

Il gonfiore postoperatorio si attenua gradualmente nei giorni successivi all'intervento di liposuzione laser assistita e scompare completamente nell’arco di un mese. Il ciclo di linfodrenaggi manuali serve ad agevolare e velocizzare la guarigione.

Grazie all’utilizzo del laser a fibra ottica, l’effetto lifting naturale fa il suo corso fino a sei mesi successivi all’intervento di liposuzione laser assistita.

I Vantaggi della Liposuzione Laser Assistita 

Scegliere la tecnica di liposuzione laser assitita firmata Lipolaser System può consentire una serie di vantaggi riassumibili nei seguenti punti: 

  • Il metodo Lipolaser System , grazie all’utilizzo della fibra ottica con parametri esclusivi, permette di sciogliere anche il grasso di natura più resistente. 
  • Il calore emanato dalla fibra ottica, trasforma i trigliceridi intracellulari in emulsione oleosa, consentendole un’aspirazione veloce e atraumatica.
  • Il laser a fibra ottica agisce sulla componente idro-lipidica senza demolire le catene proteiche. 
  • La reazione fibro-elastica determinata dalla fibra laser, contrasta la flaccidità del tessuto cutaneo fino al 50%, facendo retrarre le catene di collagene senza demolirle. 
  • Assenza di cicatrici.
  • Tempistiche chirurgiche brevi.
  • Assenza di dolore durante e dopo l’intervento.
  • Nessuna depressione, avvallamento o rilassamento del tessuto cutaneo.
  • Non occorrono punti di sutura.
  • Cannule di dimensioni molto piccole.
  • Possibilità di trattare più zone in una sola seduta.
  • Possibilità di trattare anche soggetti obesi.
  • Tempi di recupero veloci: la medicazione può essere rimossa dopo 48 ore.
  • Risultati apprezzabili dopo massimo trenta giorni dall’intervento di liposuzione laser assistita.
  • Nessuna complicanza.
  • Nessun ricovero.
  • Possibilità di contrastare la cellulite.
  • Nessun limite d’età: l’effetto lifting ottenuto con la fibra ottica, consente l’intervento anche su persone dotate di scarsa elasticità della pelle.